Un prodotto di successo è molto più del risultato delle sue componenti.

Questo vale non solo per gli stabilimenti di produzione di Norderstedt, ma anche per la fonderia VACUCAST situata a Berlino e per l’affiliata specializzata nello sviluppo, la DERU, appartenente anch’essa all’azienda. LINK è costantemente impegnata nello sviluppo di innovazioni in tutti i settori, da nuovi rivestimenti a strumenti ottimizzati per soddisfare gli attuali progressi in campo chirurgico.
L’azienda con sede ad Amburgo specializzata in artroprotesi e sostituzione ossea non è tuttavia orientata unicamente ai nuovi sviluppi, bensì è impegnata nella continua verifica degli impianti e strumenti esistenti e, ove opportuno, nella relativa implementazione in linea con le scoperte più recenti. Allo stesso tempo, ciò non significa automaticamente che seguiamo qualunque tendenza. Per l’azienda ormai affermata nel settore, innovazione significa anche rimanere fedeli a quanto già sperimentato e collaudato, sempre a condizione che vi siano buone ragioni per continuare a farlo.

Nell’impresa dedicata allo sviluppo del Gruppo LINK, la DERU, un team in continua crescita di specialisti si dedica specificamente ai progressi nel settore dell’artroprotesi. I nostri ingegneri dello sviluppo non solo sono attenti alle ultime scoperte in materia di biomeccanica, metallurgia, tecnologia dei polimeri, tribologia, tecnologia delle superfici e cinematica, ma anche alle esigenze tecnologiche del momento in relazione ai macchinari.

Nonostante il sistema di protesi d’anca con adattamento anatomico Lubinus SP II sia stato lanciato ormai già nel 1984, questo stelo femorale è considerato ancora oggi un prodotto pionieristico e valido per l’eccezionale stabilità sul lungo termine. La geometria curva di questo stelo protesico applicata anche sul piano sagittale, si rifà alla forma tridimensionale del canale midollare del femore. Ciò fa in modo che la protesi corrisponda all’anatomia dell’anca umana e possa contrastare le forze di rotazione, considerate la principale causa di allentamento. Finora questo prodotto ha ottenuto risultati ineguagliabili nella documentazione regolarmente pubblicata e convalidata dallo studio svedese sull’anca*. Nel 2015, sulla base del Lubinus SP II cementato, LINK ha lanciato il modello SP-CL non cementato, attingendo alla lunga esperienza del sistema SP II e configurandolo altrettanto come stelo femorale anatomico.

Anche il sistema di protesi d’anca C.F.P. si basa sui principi di carico e di ancoraggio ottimali della fisiologia umana dal punto di vista biomeccanico. Questo prodotto è stato sviluppato nel 1988 appositamente per pazienti giovani: il sistema “bioarmonico” a stelo corto permette di ricorrere a una tipologia di impianto non cementato e di conservare l’asse del collo del femore, garantendo così le migliori condizioni possibili qualora dovessero ritenersi necessari eventuali interventi successivi.

* The Swedish Hip Arthroplasty Register, www.shpr.se

Il sistema di protesi totale di ginocchio LINK GEMINI SL permette di effettuare interventi preservando i tessuti molli. Grazie al sistema SL modulare e alle tre opzioni funzionali di design (menisco mobile, menisco fisso e menisco fisso PS), è possibile intervenire in base a condizioni specifiche che possono verificarsi durante l’intervento chirurgico. Anche la protesi a slitta LINK con set di strumenti MITUS ART, lanciata nel 1969, vanta un successo altrettanto unico. Secondo il Registro svedese di artroprotesi di ginocchio (Swedish Knee Arthroplasty Register), dal 2001 viene continuamente citata come prodotto di riferimento* in termini di rischio di revisione.

Anche la protesi a perno rotante e a cerniera LINK Endo-Model, sviluppata nel 1979 sulla base del modello St. Georg, ha riscontrato grande successo per diversi decenni. Pur avendo mantenuto invariato il principio di base, oggi questa protesi include una serie di nuove caratteristiche, come lo stelo lungo, l’ancoraggio dello stelo non cementato, il rivestimento LINK PorEx, il modello SL modulare e i modelli per la sostituzione del femore distale e della tibia prossimale. Grazie alla geometria di resezione adattata al ginocchio primario, il sistema SL per interventi al ginocchio è un componente intercambiabile integrato nel sistema che offre una vasta gamma di opzioni per interventi primari e di revisione, come protesi sia a perno rotante sia a cerniera.

* Protesi a slitta LINK; prodotto di riferimento in termini di rischio di revisione. The Swedish Knee Arthroplasty Register, www.myknee.se/en/

Presso LINK seguiamo il motto “Più complesso è l’obiettivo, più interessante si fa la sfida”.
Ad esempio, attraverso l’anamnesi individuale e le immagini radiografiche, un team di specialisti lavora esclusivamente allo sviluppo di impianti su misura per casi apparentemente irrisolvibili, dalle protesi endomidollari, protesi di sostituzione di bacino, tibia prossimale, femore distale e protesi per pazienti con elevata perdita ossea, fino a impianti in grado di “adattarsi” alla crescita di pazienti di età infantile. Dagli anni ‘70 sono stati prodotti oltre 35 000 impianti su misura, ma alcuni modelli di protesi LINK standardizzate offrono anche un’ampia gamma di opzioni e possibilità di personalizzazione. Si prenda ad esempio la protesi di ricostruzione LINK MP cementata e non cementata che, grazie ai componenti modulari dello stelo, permette di regolare individualmente e gradualmente la lunghezza dello stelo, l’antiversione e la lunghezza del collo. Inoltre, i materiali utilizzati, l’innovativo reindirizzamento delle forze e la consolidata tecnologia di giunzione garantiscono la massima stabilità.

Le innovative protesi per il trattamento di tumori e per gli interventi di revisione LINK MEGASYSTEM-C sono ancora più eccezionali. Si tratta di sistemi di ricostruzione modulari per la chirurgia oncologica le cui numerose componenti modulari consentono la sostituzione parziale dell’osso nella regione prossimale e distale del femore, da diversi centimetri fino alla sostituzione totale del femore.

Oltre all’impegno nello sviluppo di numerose innovazioni nel campo dell’artroprotesi, l’azienda, nata originariamente come fornitore di attrezzature ospedaliere, è sempre rimasta fedele alle proprie radici. Oggi LINK fornisce una gamma completa di strumenti chirurgici per la chirurgia della mano, del piede e della colonna vertebrale, nonché per l’ortopedia generale. Tutti gli strumenti sono stati sviluppati in stretta collaborazione con chirurghi professionisti dotati di un’esperienza approfondita nel campo.

La selezione di strumenti specialistici per chirurgia spinale è unica al mondo: circa 1 500 strumenti per un ampio spettro di applicazioni, tra cui numerosi sviluppi interni all’azienda con focus su tessuti molli, ossa, pelle, osteosintesi e altri settori. La gamma di strumenti progettati per facilitare la chirurgia della mano è pensata per qualsiasi situazione. Oltre a set di strumenti standard per le più svariate applicazioni, tra cui tessuti molli, ossa, tendini, innesti cutanei, microchirurgia e osteosintesi, LINK offre il prodotto ideale per praticamente qualsiasi esigenza in ambito di chirurgia della mano, a partire da pinze e forbici, impugnature per bisturi, portaaghi e clamp vascolari fino a divaricatori autostatici e accessori chirurgici.